polemos bambini

 

formazione Kids-provvisorio



Ricerca Avanzata
Area Download
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.
  • Il tempo i luoghi gli uomini
  • la realta come passione
  • Chiaracucina
  • Quando le volpi si sposano
  • Elegia delle donne morte
  • Io volevo parlare con te
  • Le rughe sulla frontiera
  • Abbiamo problema
  • Arrangiamenti
  • Lucjy Strike
  • Non con un lamento
  • Fellini e Manara
  • Marineide lo stradivari rubato
PDFStampaE-mail
Ofelia in the Dog DaysOnde in sequenza

Oltre l'oblio della voce

Una silloge poetica che nasce da una forte esigenza: quella di mettere a nudo ciò che l'esistenza offre in ogni suo frangente, partendo dal reale per indagare il rapporto tra l'uomo e il mondo che lo circonda.

( Navarra Editore )
€7.00

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto

OLTRE L'OBLIO DELLA VOCE
di Mario Calivà

Una silloge poetica che nasce da una forte esigenza: quella di mettere a nudo ciò che l'esistenza offre in ogni suo frangente, partendo dal reale per indagare il rapporto tra l'uomo e il mondo che lo circonda.

La raccolta contiene anche una poesia in arbëreshe e una in lingua albanese dedicata a Giorgio Castriota.

In “Oltre l’oblio della voce” si pone l’accento su una questione: i versi dei poeti esulano dal vero e proprio flatus vocis dell’uomo, poiché sono immortali. La voce umana è assoggettata alla finitezza di un corpo che cerca di resistere all’ineluttabilità del tempo; da questo presupposto parte la riflessione di Mario Calivà, che rivolge il suo sguardo alla realtà che lo circonda per abbandonarsi all'ispirazione, lasciandosi cogliere e trasportare da essa.

Lo spunto da cui partono i versi della raccolta è vario; ci sono espliciti riferimenti alle stelle, alla luna, ai paesaggi del mondo: tutti elementi che non comunicano con una voce ma con la sola presenza collocandosi, così, in un livello prelinguistico. Il poeta diventa dunque unico possibile cantore della realtà, che nella sua complessità non può essere descritta dalla voce dell'uomo comune, ma solo da quella, ispirata ed elevata dalle contingenze, del poeta.

L'autore: Mario Calivà è un drammaturgo e poeta arbëreh. Vive a Piana degli Albanesi. Diplomato in Drammaturgia e Sceneggiatura presso l'Accademia Nazionale d'arte drammatica "Silvio d'Amico" di Roma. È dottore in Economia e Finanza e in Discipline dello Spettacolo. Ha pubblicato per Mohicani le raccolte di poesia "Percezioni", "La luce dei punti lontani" e ha curato l'antologia "Reading poetico". Per Navarra Editore ha già pubblicato "Portella della Ginestra. Primo maggio 1947. Nove sopravvissuti raccontano la strage". Il libro è stato presentato in diverse città d'Italia durante il Tour Nazionale della Memoria che ha visto l'autore impegnato durante il mese di aprile del 2018. Studioso di fotografia, ha allestito diverse mostre personeli. L'ultima, dal titolo UrgentArbëreshAnthropology. Dal settembre al dicembre 2017 è stagista al Teatro Massimo di Palermo; dal gennaio all'aprile 2018 presso la redazione Rai Cultura a Roma. Tra il 2012 e il 2018 ha portato in scena i suoi testi teatrali in lingua arbëreshe organizzando una cinquantina di messe in scena.

 

copertina caliva bozza

 

Navarra Editore
Collana: Fuori collana
Categoria: Poesia
Anno: 2018
Pagine: 36
Prezzo: 7,00
ISBN: 978-88-98865-96-3
Formato: 14x21

LUGLIO 2018
Distribuzione nazionale Messaggerie Libri
Promozione nazionale: Goodfellas
Distribuzione e promozione per la Sicilia: MM Distribuzione Libraria









* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *