bambini

Kids-provvisorio

formazione1



Ricerca Avanzata
Area Download
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.
  • Il tempo i luoghi gli uomini
  • la realta come passione
  • Chiaracucina
  • Quando le volpi si sposano
  • Elegia delle donne morte
  • Io volevo parlare con te
  • Le rughe sulla frontiera
  • Abbiamo problema
  • Arrangiamenti
  • Lucjy Strike
  • Non con un lamento
  • Fellini e Manara
  • Marineide lo stradivari rubato
PDFStampaE-mail
Come ape e fioreCucinando per le stelle

Conversazione con Ludovico Corrao

Una delle ultime interviste a Ludovico Corrao, personaggio chiave della ricostruzione di GIbellina

( Navarra Editore )
€5.00

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto

CONVERSAZIONE CON LUDOVICO CORRAO
di Renato Quaglia

 

La figura di Ludovico Corrao resta legata per sempre a Gibellina, la città della Valle del Belìce della cui esistenza l’Italia seppe una notte del gennaio 1968 e che già dopo qualche settimana divenne, suo malgrado, simbolo sempre di qualcos’altro: di una rinascita possibile della Sicilia più antica e arretrata; del non volersi arrendere all’emigrazione; di una ricostruzione che poteva essere la costruzione di un nuovo mondo, da affidare alle avanguardie internazionali di artisti e intellettuali, invece che a ignoti restauratori e tecnici; degli sprechi di una riedificazione infinita, conseguenza dell’atavica mala-gestione nazionale delle tragedie collettive.

 

Ludovico Corrao è stato assassinato il 7 agosto del 2011 a Gibellina, all’età di 84 anni, nella sede della Fondazione Orestiadi, da Saiful Islam, un bengalese di 21 anni, suo dipendente.

A Corrao si deve la ricostruzione di Gibellina: città distrutta nel 1968 dal terremoto che colpì la valle del Belìce, e rifondata ex novo – esempio unico nella storia del Novecento – grazie all’intervento non di ruspe e ingegneri ma di artisti di fama internazionale come Alberto Burri, Pietro Consagra, Mario Schifano, Andrea Cascella, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Franco Angeli, Leonardo Sciascia. Ludovico Corrao aveva cercato così di rifondare insieme alla città l’intero popolo, “umanizzando” il territorio e facendo di una piccola città dell'entroterra siciliano un centro pulsante di creazione e cultura.

Questa intervista realizzata, poco tempo prima della morte di Corrao, da Renato Quaglia, curatore del progetto culturale del Riso – Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, è un omaggio alla sua figura e un modo per diffonderne il pensiero, la sensibilità artistico-culturale e l’originale punto di vista.

Ludovico Corrao è stato avvocato e uomo politico di spicco, già deputato all’Assemblea Regionale Siciliana e Senatore della Repubblica, sindaco di Gibellina fino agli anni ’80, fu legale di parte civile di Franca Viola, la prima donna siciliana che decise di ribellarsi al matrimonio riparatore, un decennio più tardi.

Nel corso dell’intervista vengono affrontati i temi più cari a Corrao: Gibellina quarant’anni dopo il terremoto e la riscoperta dei suoi progetti d’arte e di architettura da parte dei giovani; le riflessioni su ciò che ha significato la nascita di una nuova città e sulle risorse per costruirla.

alt

Navarra Editore

Categoria: Saggistica

Collana: Fiori di Campo

Anno: 2011

Pagine: 64

Prezzo: 5,00 €

ISBN: 978-88-95756-58-5

Formato: 12x16,5

DISTRIBUZIONE NAZIONALE: MESSAGGERIE LIBRI
PROMOZIONE: NFC
DISTRIBUZIONE E PROMOZIONE PER LA SICILIA: MM DISTRIBUZIONE LIBRARIA

 









* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *