GIOVANI AUTORI CRESCONO PUBBLICANDO RACCONTI - PREMIO MONDELLO GIOVANI: IN UN'ANTOLOGIA I TESTI VINCITORI DEL 2008 - REPUBBLICA
Dicono di noi - 25. ANTOLOGIA PREMIO MONDELLO GIOVANI 2008


Premio Mondello, un volume con i testi degli under 25 vincitori

Due ragazzi di Castellammare nel libro edito da Navarra che consente di esplorare una realtà sommersa. Simona Dolce, che s'aggiudicò l'edizione 2007, lavora al romanzo "Erminia" saga familiare lunga settant'anni ambientata in città.

GIOVANI AUTORI CRESCONO PUBBLICANDO RACCONTI

Se è vero, come diceva Pablo Picasso, che «la giovinezza non ha età», è vero anche che i cosiddetti giovani scrittori, per essere tali, devono essere nati tra il 1985 e il 1991. Così almeno prevedeva il concorso "Under25. Pronti per Einaudi", organizzato lo scorso anno nell'ambito del Mondello-Giovani, il Festivai letterario promosso dalla Fondazione Banco di Sicilia, sviluppatosi da una costola dell'ormai storico Premio Mondello, che domani e dopodomani celebrerà la sua seconda edizione. Con un dispiegamento di forze notevole: a partire dagli incontri con gli scrittori Alessandro Baricco, Valeria Parrella, Tommaso Pincio e Simona Vinci, e poi gli editori Marco Cassini e Antonio Sellerio, la cantante Etta Scollo, e tanti altri. Tema conduttore: la lezione dei maestri, ossia gli scrittori esemplari. Tanti gli appuntamenti, tra concerti, reading, dibattiti.

A inaugurare il festival, domani, dalle 17 in poi al Kursaal Kalhesa, saranno proprio i giovanissimi, protagonisti del concorso Sms Poesia, rivolto ai ragazzi tra i quattordici e ventotto anni, organizzato dalla Fondazione Banco di Sicilia in sinergia con la Vodafone: «Molti — anticipa lo scrittore Carlo Barabba, che fa parte della giuria — sono i componimenti che si devono a giovani siciliani, presenti anche nella rosa dei finalisti. C'è chi ha inviato un sonetto, con perfetti endecasillabi: del resto, con la Scuola poetica federiciana, la Sicilia è stata la culla di questo componimento lirico. C'è chi addirittura ha scritto una poesia in latino. E curioso questo cortocircuito tra il mezzo utilizzato, modernissimo, e le forme arcaiche di letteratura».
A seguire, la presentazione del libro "<25. Antologia Premio Festival MondelloGiovani 2008" (Navarra editore), che allinea i migliori racconti selezionati per il concorso dell'edizione dello scorso anno. Due dei vincitori, Fernando Lo Cicero (nella foto) e Gabriele Fontana, saranno presenti assieme all'editore per raccontare la loro esperienza che li ha catapultati dal concorso alla pubblicazione. Entrambi di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, sono due amici legati dalla passione perla scrittura creativa.
«Il racconto con cui ho partecipato al concorso — dice Fernando, vent'anni, studente di Filosofia a Palermo — è nato per un gioco fatto assieme a Gabriele. Un giorno abbiamo deciso di scrivere un testo sulla base di alcune regole, fissate di comune accordo. Ossia il contesto in cui la storia si sarebbe svolta, le parole dautilizzare, una citazione da inserire. Insomma, ci siamo divertiti a costruire una griglia per metterci alla prova». Così è nato "Welcome to the machine", piazzatosi secondo al concorso. Racconto fantascientifico in sette atti, dal ritmo serrato (tutto succede in mezz'ora) e dal taglio visionario. «Il mio idolo è Steinbeck: "Furore" lo leggo una volta all'anno, per ricaricarmi. Un altro autore che adoro è Kurt Vonnegut, il suo "Mattatoio 5"è una sorta di Bibbia per me». E c'è qualcosa di Vonnegut in questo racconto di Lo Cicero, in cui si narra delle conseguenze di un'esplosione della bomba H. «Amo la fantascienza, ma la sviluppo, nelle cose che scrivo, in direzione dei rapporti umani che si intrecciano sullo sfondo di un futuro poco rassicurante». Da grande, Fernando Lo Cicero vorrebbe fare lo scrittore: «Sì, certo — ammette — mi piacerebbe vivere di scrittura. Ma so che non è facile, so anzi che è difficilissimo. Vale la pena però tentarci».
In un clima surreale,sullo sfondo di un imprecisato conflitto, sisvolge il racconto "Il rifugio e i militari" di Gabriele Fontana. Ventitreenne, con in tasca un diploma da perito commerciale, ha, oltre alla letteratura, un'altra grande passione: la musica. «Dopo il diploma — racconta — mi sono iscritto a Lettere, ma ho mollato presto. Non ho mai smesso di immaginare storie e quindi di dar forma a dei racconti. Ogni due mesi, su un giornale locale di Alcamo, vede la luce un mio racconto».A differenza di Fernando, Gabriele non ha mai preso parte a corsi dì scrittura creativa: il racconto con cui s'è aggiudicato il terzo premio l'aveva già scritto prima. Di solito, per trovare l'ispirazione, legge Kafka, il suo scrittore preferito, ma anche Tiziano Sclavi, e poi ancora Vonnegut e Marquez. «Forse da qui viene l'aspetto che caratterizza i miei racconti (già ne ha nel cassetto quindici, ndr): ossia un dato particolare della realtà portato agli estremi del surrealismo. Certo, mi fa uno strano effetto pensare che un mio racconto sta dentro a un libro pubblicato. Si tratta di un bel primo passo, non è male per niente». Chi un primo passo l'ha già fatto, e sta lavorando per assestare il secondo, è Simona Dolce, palerrnitana, vincitrice dell'edizione 2007 di Subway Letteratura-Palermo, legata sempre al MondelloGiovani. La Dolce, dopo l'ottimo esordio con "Madonne nere", ha messo mano al suo secondo romanzo. Si intitolerà "Erminia": (Si tratterà — racconta la giovane scrittrice — di una saga familiare che percorre settant'anni di storia italiana. Con tredici personaggi in azione. Posso dire che riguarda un po' anche la storia della mia famiglia». Il romanzo avrà un'ambientazione siciliana, e la protagonista, come tradisce il titolo, sarà una donna: «Una figura molto complessa — aggiunge l'autrice — provata duramente dalla vita, per un matrimonio impostole dal padre, e soprattutto per una malattia che ne condizionerà l'esistenza. Sullo sfondo della seconda guerra mondiale e del dopoguerra, in un contrasto perenne tra il mondo di fuori che cambia velocemente e il suo starsene immobile, in un limbo fatto di silenzio e amuchina».

 

di SALVATORE FERLITA
Repubblica - ed. Palermo Giovedì 22 ottobre 2009

 
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *