dirigente scolastico SITO

webebook

 

 

 bambini

Kids-provvisorio

formazione1



Ricerca Avanzata
Area Download
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

prova bookshop 2

Navarra Editore
QUELLE “VITE SOSPESE” DI CHI CI STA ACCANTO IN UN LIBRO DIECI STORIE DI TRISTE IMMIGRAZIONE - A SUD D'EUROPA OTTOBRE 09

Quelle “vite sospese” di chi ci sta accanto. In un libro dieci storie di triste immigrazione

“Ci passano accanto a milioni e ci sembrano facce tutte uguali. A malapena distinguiamo le razze, ma siamo
ignoranti, confondiamo una giapponese con una cinese, una polacca con una rumena. Non conosciamo le storie dei loro paesi, i loro miti, gli dei, gli eroi, tuttavia sappiamo sfruttarli benissimo e non gli consentiamo neppure uno sbaglio. Sabi, Betlemme, Aden e gli altri, con i loro destini storti, avranno qualcosa di nobile da raccontare ai loro nipoti. Hanno dato la vita per vivere, sono i cavalieri del terzo millennio. Fuggiti dai loro paesi, perseguitati dalle polizie locali, vittime di ingiustizie politiche, di dittatori militari, di infamie d’ogni genere, approdano in Italia e finiscono “dentro” un poco accogliente centro d’accoglienza, come un Alberto Sordi nero “detenuto in attesa di giudizio”. In un Italia che più emigrante non si può, che è stata in America, Australia, Germania, Svizzera, le loro vite rimangono più sospese che mai”.

 
ECCO L'ISPETTORE MARINEO LA SICILIA INDAGA ANCORA - LA REPUBBLICA ED. PALERMO 24.10.09


Navarra pubblica le avventure di un nuovo poliziotto, un altro figlio di Montalbano

ECCO L'ISPETTORE MARINEO

LA SICILIA INDAGA ANCORA

Gialli storici e psicologici, legal thriller, noir e polizieschi per godere di una storia intrigante ma anche per divertirsi e riflettere. Storie nelle quali, spesso, la trama più o meno avvincente, diviene poco più che un pretesto, attorno alla quale tessere uno spaccato di italici vizi e vezzi, perché, per dirla con Gesualdo Bufalino «la realtà e l'azione sono due facce intercambiabili della vita e della letteratura».
Ma se un tempo i gialli erano considerati una sorta-di letteratura da serie cadetta, oggi, o meglio da qualche anno, il genere sta riscuotendo sempre maggiori consensi, anche grazie ad autori di calibro che vi si sono dedicati. In Sicilia, poi, sembra che sia fiorita una scuola, dopo che, all'alba degli anni Sessanta, Sciascia con "Il giorno della civetta", sdoganò il romanzo poliziesco, impresa nella quale non era riuscito Franco Enna, prolifico autore di quasi centocinquanta romanzi gialli che, negli anni Cinquanta inventò il personaggio del commissario Federico Sartori.

 
GIOVANI AUTORI CRESCONO PUBBLICANDO RACCONTI - PREMIO MONDELLO GIOVANI: IN UN'ANTOLOGIA I TESTI VINCITORI DEL 2008 - REPUBBLICA


Premio Mondello, un volume con i testi degli under 25 vincitori

Due ragazzi di Castellammare nel libro edito da Navarra che consente di esplorare una realtà sommersa. Simona Dolce, che s'aggiudicò l'edizione 2007, lavora al romanzo "Erminia" saga familiare lunga settant'anni ambientata in città.

GIOVANI AUTORI CRESCONO PUBBLICANDO RACCONTI

Se è vero, come diceva Pablo Picasso, che «la giovinezza non ha età», è vero anche che i cosiddetti giovani scrittori, per essere tali, devono essere nati tra il 1985 e il 1991. Così almeno prevedeva il concorso "Under25. Pronti per Einaudi", organizzato lo scorso anno nell'ambito del Mondello-Giovani, il Festivai letterario promosso dalla Fondazione Banco di Sicilia, sviluppatosi da una costola dell'ormai storico Premio Mondello, che domani e dopodomani celebrerà la sua seconda edizione. Con un dispiegamento di forze notevole: a partire dagli incontri con gli scrittori Alessandro Baricco, Valeria Parrella, Tommaso Pincio e Simona Vinci, e poi gli editori Marco Cassini e Antonio Sellerio, la cantante Etta Scollo, e tanti altri. Tema conduttore: la lezione dei maestri, ossia gli scrittori esemplari. Tanti gli appuntamenti, tra concerti, reading, dibattiti.

 
23 E 24 OTTOBRE A PALERMO: TORNA IL MONDELLO GIOVANI. LA NAVARRA EDITORE PRESENTA " > 25 " ANTOLOGIA DEI RACCONTI VINCITORI DEL PREMIO 2008

Torna il MondelloGiovani, Festival della letteratura giovane, nato da una costola del Premio Mondello e promosso dalla Fondazione Banco di Sicilia. La seconda edizione si terrà il 23 e 24 ottobre a Palermo, coinvolgendo spazi straordinari della città storica, dal Teatro Biondo alla Galleria d’Arte Moderna, nel complesso monumentale di Sant’Anna, sino al Kursaal Kalhesa di fronte al mare. Reading e musica, momenti di incontro con autori e editori appartenenti ad una fascia d’età tra i venti ai trent’anni fino ai ‘maestri’ di questa nuova generazione. Ospite d'eccezione Alessandro Barrico.

All'interno del ricco programma venerdì 23 ottobre alle ore 17 al Kursaal Kalhesa di Palermo sarà presentato il libro "> 25. Antologia Premio Festival MondelloGiovani 2008" edito da Navarra Editore, che raccoglie i migliori racconti selezionati per il concorso dell’edizione 2008 del Festival. Due dei vincitori 2008 – Fernando Lo Cicero e Gabriele Fontana – saranno presenti insieme all’editore Ottavio Navarra per raccontare l’esperienza che li ha portati dal concorso alla pubblicazione.

Di seguito tutti i dettagli sulla manifestazione

 
LUNEDI' 19 OTTOBRE A PALMA DI MONTECHIARO (AG) - PRESENTAZIONE DEL LIBRO "IL SONNO DEL CANE" DI ALESSIO TAORMINA ALL'INTERNO DELLA RASSEGNA VOCI DEL SUD

All’interno della Rassegna “Voci del Sud 2009″ che si svolge a Palma di Montechiaro dal 17 al 31 ottobre 2009 (evento inserito nel calendario di "Ottobre piovono libri"), verrà presentato lunedì 19 ottobre alle ore 18.00 il testo "Il sonno del cane" di Alessio Taormina.

Intervengono l’autore e l’editore Ottavio Navarra con Alfredo Galasso (avvocato e professore di diritto privato nell’Università di Palermo). Introduce Gaspare Agnello (conduttore televisivo di programmi culturali). Letture e musiche dell’autore, accompagnato da Raffaele Pullara (violino e fisarmonica).

Di seguito il programma dettagliato delle giornate

 
"NESSUNO TOCCHI PERINO" - CENTONOVE INTERVISTA VINCENZO FIGLIOLI, AUTORE DI "VITE SOSPESE. DIECI STORIE DI RESISTENZA CONTEMPORANEA"

 

TRAPANI. Sos del giornalista scrittore Vincenzo Figlioli sulcentro d’accoglienza

«Nessuno tocchi Perino»

Mentre infuria il dibattito sulla nuova legge per gli immigrati, parte l’appello per salvare «dallo Stato italiano» chi sfugge alle guerre di tutto il mondo

 

TRAPANI. «Gran parte degli italiani continua a credere che gli immigrati arrivino tutti sui barconi, che decidano di lasciare i propri paesi solo per sfuggire alla miseria, invece spesso si tratta di vera e propria sopravvivenza, una scelta necessaria ma sofferta: portano tutti il loro paese nel cuore». Infuria il dibattito politico sulla necessità di rivedere le norme per la cittadinanza agli extracomunitari ma forse sarebbe più saggio cambiare punto di vista, cominciare a chiedersi cosa accade subito dopo il loro arrivo sul suolo italiano, come cambiano le loro vite. Partendo dalle storie degli oltre duecento rifugiati accolti nel Centro di accoglienza di Perino (Trapani), il giovane giornalista Vincenzo Figlioli (co-fondatore con Renato Polizzi dellʼagenzia di comunicazione e promozione culturale “Communico”) ha scritto “Vite Sospese – Dieci storie di resistenza contemporanea” (Navarra editore – pp.123 - €10), un prezioso strumento di lettura di una quotidianità che molto spesso giornali e tv sfiorano superficialmente o fanno finta di non vedere, quelle vite sospese dei tanti esuli in attesa di sapere se la loro richiesta di asilo politico verrà accolta o meno dai tribunali italiani. Per poter ricominciare,finalmente, a vivere.
Vincenzo perché parli di “Vite sospese”?

 
<< Inizio < Prec. 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 Succ. > Fine >>

Pagina 169 di 183
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *