dirigente scolastico SITO

webebook

 

 

 bambini

Kids-provvisorio

formazione1



Ricerca Avanzata
Area Download
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.

prova bookshop 2

Navarra Editore
SABATO 9 OTTOBRE A MARSALA - MAI PIU' L'OMBRA DI UN SORRISO: IN UN LIBRO VERITA' LA TRAGICA STORIA DELLE TRE BAMBINE ASSASSINATE A MARSALA

Sabato 9 ottobre alle ore 17.30 a Marsala alle Cantine Pellegrino, verrà presentato il libro di Nino Ienna "Mai più con un sorriso": un viaggio senza ritorno nella storia della cronaca nera che ha coinvolto il nostro Paese negli anni '70. Perno della narrazione è l'assassinio di tre bambine, Antonella Valenti, Ninfa e Virginia Marchese, verificatosi nella città di Marsala nel 1971. Un terribile massacro per il quale venne condannato quale unico responsabile dei delitti, con l'accusa di rapimento, triplice omicidio, vilipendio e occultazione di cadaveri, Michele Vinci, ma su cui grava ancora un arcano irrisolto. 

 
DUE CHIACCHIERE CON ALBERTO COTTICA: WIKICRAZIA - WIRED.IT


Fra gli appuntamenti di Coffee&Books, il corner dedicato ai libri della Social Media Week, abbiamo pescato la presentazione di Wikicrazia: un progetto di Alberto Cottica - musicista, economista ed esperto di reti sociali.

Il volume, in uscita in questi giorni per i tipi Navarra, è nelle intenzioni stesse dell'autore un "libro di frontiera", e tratta di come si possa intervenire attivamente nella pubblica amministrazione tramite le tecniche e l'etica del web 2.0: per un concetto di cittadinanza diverso, informato, ed efficace sul territorio. Insomma, una batteria di idee per creare intelligenza collettiva.

Alberto, come nasce Wikicrazia?
Il libro è il risultato di una lunga serie di riflessioni su come la rete possa insegnare molto alla politica locale e all'amministrazione del territorio. Concetti tipici dell'etica hacker - trasparenza, aiuto reciproco, libertà - sono tutti elementi che possono fare assai bene alle "politiche" prima ancora che alla "politica". Dalla segnalazione diretta di un problema di fianco a casa (una rotonda costruita male, ad esempio) a forme di discussione più raffinate.

Durante la presentazione parlavi della tua esperienza come musicista e del fatto che a un certo punto ti sei accorto che la musica e l'aggregazione tramite l'arte non bastavano. In che senso?
Ho fatto il musicista per anni, principalmente nei Modena City Ramblers - di cui sono membro fondatore. Bellissimo, fantastico, ma a un certo punto ho capito che la gente ai concerti aveva un processo simile alle confessioni in chiesa: vai lì, ti lavi dei peccati, ti senti partecipe, poi torni a casa e non cambia nulla nel concreto.
Nel 1996 abbiamo fatto un concerto in piazza San Giovanni. Abbiamo suonato "Bella ciao". Siamo finiti dappertutto a livello di mass media, e la sensazione era: Cavolo, abbiamo domato la bestia. Ma nonostante questo sentirsi dalla parte dei bottoni, non cambiava nulla. E lì ho cominciato a sentire che l'idea del leader carismatico del rock aveva qualcosa che non funzionava.

Il web, invece...
Il web crea una comunità parificata dove tutti possono davvero fare qualcosa. Poi sai, io sono un early user. Ho una mail dal 1992, quando il web non esisteva ancora: e per certi versi quella dimensione raccolta, controculturale e di esperti la rimpiango un po'. Era una fase - Rheingold ne parla bene - dove la selezione era molto trasparente. Cioè, se riuscivi ad arrivare online eri quasi sempre una persona con cui valeva la pena parlare. Chiaro che il web di massa è del tutto diverso: ma se sai usare i filtri social, in ogni caso le cose funzionano bene.

Ad esempio - per tornare al punto - nella partecipazione pubblica.
Esatto. Guarda, a me non preoccupa che ci sia molta gente che non capisce. Perché se questa gente è connessa con altra gente che invece ne sa, il sistema migliora automaticamente. Esempio: il sindaco di Pescocavolo, per dire, fa una cosa fighissima e questa comincia a circolare. Finisce su Wired, viene ribaltata da diecimila social network, e arriva alle orecchie del sindaco di Pescobroccolo che dice: Be', ma perché io no? Anche perché se "lui no", il candidato dell'opposizione gli farà notare la mancanza - sulla scorta di tutte quelle informazioni, disponibili a chiunque. Quindi c'è una spinta comune al miglioramento. Le forme di coordinazione dal basso, la consapevolezza del cittadino, la diffusione della conoscenza, sono un modello che vincerà. Anche perché non possiamo permetterci di farlo fallire.

Mi interessa molto l'esperimento di pubblicare online le prime bozze del tuo libro, come se fosse una sorta di open source cui contribuire, ed eventualmente da ricreare.
Sì, a giugno di quest'anno ho caricato sul blog questa prima bozza. Per l'editore era già pubblicabile, ma io volevo di più: e ho ottenuto di più, perché il beneficio dei commenti è stato incredibile. Centosettanta commenti da circa quaranta persone, che mi hanno dato una ricchezza e una profondità che altrimenti non avrei mai avuto. Qualitativamente il libro è cresciuto tantissimo - e questa è la cosa splendida della condivisione. Dopotutto, come dice Shirky, "nobody's smarter than everybody".

E non hai mai avuto il timore che qualcuno, come dire, ti fregasse il lavoro e arrivasse prima di te?
No. Onestamente, no. Innanzitutto non sono il primo - pensate solo a Wikinomics di Don Tapscott - e poi perché non è affatto importante pensare di arrivare per primo. È molto più importante che le idee circolino.

 

Due chiacchiere con Alberto Cottica: Wikicrazia
Di Giorgio Fontana |23 settembre 2010 |Categorie: Cultura

 
NASCE WIKICRAZIA: VIVERE LA RETE, CAPIRLA E PROGETTARLA NON E' PIU' UN TABU'

“Wikicrazia è una visione entusiasmante di quello che le politiche pubbliche potrebbero diventare nell'era di Internet: la mobilitazione di una "intelligenza collettiva", attraverso la collaborazione creativa tra gli amministratori, le organizzazioni nonprofit, e soprattutto migliaia e migliaia di cittadini motivati a inventare, attuare e sorvegliare gli effetti dei nuovi schemi di interazione – abilitati dalla tecnologia – che possono rendere le nostre vite più produttive, importanti e socialmente responsabili; e la nostra società più aperta e coesa”. 

 
PEPPINO E... - La Repubblica

PEPPINO Impastato se n'è andato il 9 maggio 1978 Non con un lamento, come recita il titolo del libro che gli dedica il romano Giorgio Di Vita. È un viaggio nella cronistoria di quel giovane che ha immolato la sua vita in nome dei sacri principi di giustizia e libertà. È un viaggio oscillante fra spazio e tempo, un'attonita raccolta di testimonianze, in primis quella dell'autore, per ricostruire la militanza antimafiosa della giovane vittima di Cinisi. Di Vita racconta l

 
IL "BUDINO DI CARDAMOMO AL PROFUMO DI ROSE" DELLA NOSTRA ANTONELLA SGRILLO E' LA RICETTA DEL GIORNO PER SICILIA INFORMAZIONI.IT . GUSTATELO!

La ricetta del giorno: budino di cardamomo al profumo di rose: Si tratta di un dolce molto profumato che l'autrice Antonella Sgrillo descrive in dettaglio sul suo libro di ricette e poesie "Io riesco a vederci il sole" edito da Navarra. L'ingrediente che lo caratterizza, il cardamomo, è una pianta officinale molto diffusa in Asia e in Australia che viene utilizzata nella preparazione del caffè alla turca, e del caffè e del tè nei paesi arabi e per insaporire i dolci.

 
PASSI RAPIDI NELLE NOTTI DI PALERMO - KOM-PA.NET

Passi rapidi nelle notti di Palermo
Si resta spiazzati la prima volta che si sfoglia A passi rapidi– romanzo d’esordio di Sergio Cataldi pubblicato da Navarra Editore: questa forma di scrittura “a bandiera”, con brevi frasi che a volte non occupano neanche un terzo del rigo, fa pensare di essersi imbattuti in un poema. Io per primo, quando ho aperto il libro e ne ho iniziato la lettura, ho subito pensato a The Wild Party, romanzo in versi di Joseph Moncure March che – nell’edizione italiana – è accompagnato dalle tavole di Art Spiegelmann.

 
LIBRI: LA SICILIA DI LOREDANA SARCONE DANZA CON LA MEMORIA (ANSA)

Sono quadri di vita quotidiana,''essenze di ricordi'' come li definisce la stessa autrice che li ha raccolti in un libro. Loredana Sarcone nella sua opera prima (''Se penso a un giorno'', Navarra editore, pp. 51, Euro) descrive una ''Sicilia che danza con la memoria'', come recita il sottotitolo del libro, tra nostalgia e dolore. Sono proprio questi i sentimenti che costituiscono il filo conduttore dei racconti. Attraverso ritratti di uomini e donne sbozzati con la stessa maestria di uno

 
<< Inizio < Prec. 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 Succ. > Fine >>

Pagina 127 di 147
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *