A PALERMO SI PARLA DI "INCHIESTA A BALLARÒ" A CURA DI CLELIA BARTOLI | 5 LUGLIO
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie

Uno studio che mette in luce lo straordinario melting pot del mercato di Ballarò e dell’Albergheria: un laboratorio sociale in divenire. L’idea di una nuova inchiesta a Palermo, a settant’anni da quella di Danilo Dolci: questo è "Inchiesta a Ballarò" a cura di Clelia Bartoli, ultima uscita della nostra collana di saggistica Officine. Il libro verrà presentato martedì 9 luglio, alle 18, alla Biblioteca sociale Nino e Ida Agostino di Palermo, via Sgarlata, 22.
Con la curatrice dialogheranno il 'mercataro' Giovanni Pluchino, l'architetto Giuseppe Scuderi e uno degli studenti del gruppo di lavoro, Gabriele Giacoletti.

Per tutti i dettagli sull'incontro cliccate qui.


"Il mercato dell’usato di Ballarò-Albergheria è uno scampolo di Europa del III millennio rimosso dalle narrazioni ufficiali. Vi si assembrano i perdenti, poveri che vendono ad altri poveri commerciando gli scarti di una società opulenta. Per capire il persistere di questa condizione di povertà si ricostruisce la storia della città attraverso la lente della “giustizia spaziale”, una corrente di studi che mostra come il governo dello spazio mediante piani urbanistici, politiche del territorio e provvedimenti normativi abbia un impatto decisivo sui diritti delle persone. L’indagine nasce dalla circostanza paradossale che un’aula del dipartimento di giurisprudenza si affacci sulla piazza di questo mercato: dove tutto è immerso nell’illegalità e dove si formano nuove generazioni di avvocati. Così un gruppo di studenti guidato dalla loro docente, Clelia Bartoli, interroga i mercatari per capire il diritto guardandolo da un’altra prospettiva, quella appunto di coloro che stanno al margine".

 
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *