SAN VALENTINO DARK: "A PASSI RAPIDI" DI CATALDI - BALARM.IT
Dicono di noi - A passi rapidi


Un San Valentino dark di reading e musica per presentare il romanzo d’esordio di Sergio Cataldi: un viaggio notturno e interiore fra le note di un auricolare

Un protagonista senza nome cammina per la città di notte, senza una meta: fra le note del suo iPod tutto ciò che è intorno a lui sembra trasfigurarsi in una visione distorta e intimistica. Sembra volersi riparare dal mondo: quel mondo che odia tanto, ma che non può fare a meno di osservare, di interpretare; quel mondo di cui, inconsapevole, tenta disperatamente di riappropriarsi. Inizia così "A passi rapidi", romanzo d'esordio di Sergio Cataldi
presentato domenica 14 febbraio alle 20 al Blow Up (piazza Sant'Anna, Palermo). Non un semplice reading, ma un vero e proprio viaggio fra musica e parole che si propone come il primo San Valentino dark della città: l'attore e giornalista Luigi Fabozzi interpreterà alcuni stralci del libro, mentre una band formata per l'occasione riproporrà quei brani elettronici e new wave anni '80 che ne sono l'ideale “colonna sonora”. Si esibiranno Giulia Sarno (UnePassante), Claudio Cataldi (Mossgarden), Angelo Sicurella (Omosumo), Antonio Di Martino (Omosumo/Famelica) e Giusto Correnti (Famelica).

«L’idea del romanzo - racconta l'autore - è nata da un’esperienza vissuta personalmente: una sera decisi di uscire a piedi, da solo, e di andare verso il centro di Palermo, senza pormi mete. Come sempre, quando vado in giro a piedi, avevo il mio iPod a tutto volume. Cominciai a osservare tutto ciò che mi stava intorno con un interesse più spiccato del solito, demandando l’origine di tutte le mie sensazioni all’olfatto e alla vista di cose e persone, abbandonandomi a un fiume di considerazioni su ciò che le strade trasmettono nelle notti di weekend; isolato acusticamente dalla realtà, ma accompagnato da una strepitosa colonna sonora». Veloci narrazioni su righe stringate, digressioni semi-poetiche, intermezzi musicali in strofe: lo stile è immediato, virtuoso, eclettico.

«Sin dalla prime righe, i pensieri e le immagini prendevano forma in frasi secche e dirette. - continua - Via via che lo scritto prendeva corpo, ho preferito che questo "bombardamento" di parole proseguisse senza sosta, per far sì che il narrato non perdesse il ritmo serrato che inconsapevolmente gli avevo dato. Il connubio tra melodie e parole è inscindibile. Non so quanti se ne accorgeranno, ma l'innesto delle strofe citate nel corpo del testo non è mai casuale ed è stato frutto di un attento lavoro di ricerca». «Chi ha trent’anni o giù di lì - prosegue Cataldi - ha vissuto con la convinzione che gli anni ’80, in cui è stato ragazzino o adolescente, avessero come logica conseguenza un futuro connotato dal benessere e dalla stabilità lavorativa e sentimentale. Una visione rosea. Nulla di più falso. Sono sicuro che la maggior parte dei miei coetanei viva una sorta di adattamento forzato a questa società, che li porta a chiudersi in se stessi.

«È sotto gli occhi di tutti: lungo le strade, sugli autobus, in tanti indossano i fili bianchi degli auricolari dei lettori mp3. - conclude - Non penso che improvvisamente una quantità così ingente di persone sia diventata appassionata di musica. E non penso che sia soltanto moda. Proprio come il protagonista del mio romanzo, penso che per molti sia il mezzo ideale per attutire il contatto col mondo circostante, un modo per isolarsi da quell’inquinamento acustico, non solo di clacson e di sirene, ma anche della voce dell’altro, che sempre più non interessa, anzi infastidisce. Questa reazione non può che portare a un’inconscia sofferenza interiore, a un malessere non decifrato che chiunque cova come un recondito senso di colpi».

Sergio Cataldi è un noto dj della scena musicale palermitana: formatosi tra il punk e il grunge, vive oggi di elettronica e new-wave anni '80. Ha già pubblicato per Navarra Editore “Amnésie blanche” un breve racconto della raccoltà “Pazzità” (2008). “A passi rapidi” è il suo primo romanzo: 144 pagine e 12 euro per Navarra, sarà presto disponibile in tutte le librerie siciliane.

 

di FABIO VENTO

12 febbraio 2010

 
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *