IL LIBRO DELLA SETTIMANA: "A PASSI RAPIDI" DI SERGIO CATALDI - SICILIANEWS24
Dicono di noi - A passi rapidi

Un libro che sembra un film questo A passi rapidi dello scrittore palermitano Sergio Cataldi. La macchina da presa si muove seguendo la soggettiva del protagonista, che attraversa due albe in moto continuo guardando avanti, indietro, osservando la città a 360° in una storia dallo stile disomogeneo, che ricorda in alcuni momenti lo scrittore americano Raymond Carver, in altri un racconto noir e in altri ancora i fumetti dark della Marvel.

Un film veloce, nervoso, egocentrico ma abbastanza efficace è costruito attorno allo scenario di una Palermo notturna, affascinante e piena di contrasti. Forse è lei la vera protagonista. Lo scrittore palermitano, ci racconta 24 ore circa nella vita di questo uomo senza nome e delle vicende e le persone che si susseguono nel suo cammino, che sono solo apparentemente degli incidenti di percorso, ma lui non è il protagonista del video Bitter Sweet Symphony dei Verve non ha quell’arroganza, non avanza con rabbia e senza motivo, piuttosto tutte queste situazioni in cui si trova sembrano dettate da un destino inevitabile, dove lui è una pedina di un quadro più complesso; anche la sua apparente durezza e il distacco dalla realtà con l’imprescindibile ipod, appaiono come gesti addolciti e molto più fragili di quanto si possa credere e lo si vede negli incontri magici che fa: con il bambino degli accendini, l’olandese dei racconti, la stessa protagonista femminile (Corinne) e soprattutto con la gatta.

Non si può definire un libro per tutti, non agglomera e non richiama, unisce sì diversi stili un po’ racconto un po’ poesia ma vivono tutti dentro un modo di vedere il mondo da parte dell’autore ben preciso, una visuale che non appartiene a tutti quanti e questa caratteristica è abbastanza evidente soprattutto nelle scelte musicali. Consigliati, se si vuole affrontare questa lettura, The Smiths, Joy Division, The Velvet Underground e Air, soprattutto perché l’aspetto cinematografico risiede proprio in questa colonna sonora che accompagna durante tutto il percorso fino a diventare indispensabile e quindi, per chi ha familiarità con queste sonorità, il racconto progredisce in maniera abbastanza intensa e poetica ma per chi invece no, potrebbe essere questa un’occasione per confrontarsi con un mondo nuovo, provando a resistere alle atmosfere spesso angoscianti, cadenzate e decadenti, sottolineate soprattutto dal linguaggio dello scrittore, fino a lasciarsi andare.

La cosa più notevole è sicuramente il fatto che la Navarra Editore abbia dato voce ad un progetto così originale e forte come questo "A passi rapidi" di Sergio Cataldi, perché come in ogni arte, anche nella letteratura sono la visione “dell’oltre” e le sfide a dare i frutti più interessanti.

Sergio Cataldi : A passi rapidi
Navarra Editore 2010
pp.  144
Euro 12.00

a cura di Maria Clara Valenti

 

Giovedì 25 Marzo 2010 11:13

http://www.sicilianews24.it/

 
* HOME - NORME PER L'INVIO DEI MANOSCRITTI - LAVORA CON NOI - DISTRIBUZIONE - NOTE LEGALI - CERCA *